Il Comitato Giovani Veneti all’Estero è espressione concreta della volontà dei giovani di origine veneta sia di essere componenti attivi nella promozione del “Sistema Veneto” presso le rispettive realtà estere che di proporsi come organo di rappresentanza istituzionale e si pone come obiettivo primario lo sviluppo di iniziative bilaterali che portino benefici socio-economici-culturali reali e duraturi.

UN ANNO PROMETTENTE

2008
da: Andrea Boschiero

Nel importanza dell’associazioni giovani e la participazione dei giovani del mondo dell’associazionismo, il coordinatore del Comitato Giovani Veneti all’Estero, arch. Richard Cavallin, e stato invitato dal CAVU per participare alla inaugurazione della Mostra del Po. Mostra donata dal municipio di Porto Viro, provincia di Rovigo all CAVU; che è stata inaugurata il 11 di Febbraio nella “Sperintendencia de Uruguay”, e dalle associazioni di Sao Paolo, RioGrande do Sul e Santa Caterina, nel Brasile per un incontro con i giovani e la sua realtà. Nell’Uruguay, il coordinatore e stato ricevuto dalla rapèpresnetante del Comitato per l’Uruguay, Sig.ra Andrea Boschiero e si riuni con rappresentanti del CAVU e dell’Associazione Veneta delle Nuove Generazioni dell’Uruguay; questi incontri hanno lasciato una idea molto chiara della situazione dei giovani nel’Uruguay, e come sonno organizate, i loro bisogni, la loro forma di risolvere delle situazioni che qualunque associazione puo afrontare. L’Uruguay è un paese che offre molto, dove il suo primo prodotto di exportazione è la sua gente, il loro inteletto, la sua forma di lavorare e di fare le cose non solo ben fatte, ma con dedicazione. Il coordinatore a spiegato i progetti che tanto il Comitato come il Coordinamento Regionale stato organizando sotto l’auspicio della Regione Veneto per questo anno 2008, il progetto E-YOUTH e Il Corso di Formazione per Insegnanti d’Italiano all’Estero, dove il componente giovanile e di primo ordine; si parlò anche dell’importanza di avere una data-base di giovani e progetti accesibili a tutte le associazioni venete all’estero ed italiane. Come gesto d’amicizia e di fraternità tra le associazioni giovani o delle nuove generazioni riceve dalla Sig.ra Boschiero la bandiera italiana e veneta per l’associazione( in formazione) delle nuove negerazioni venete nel Venezuela, paese della sua nascità.

In Brasile, il coordinatore, a portato lo stesso messaggio alle associazioni di Sao Paolo e Rio Grande do Sul. A Sao Paolo è stato ricevuto dal rappresentante del Comitato per Sao Paolo, il Sig. Gianni Boscolo e hanno avuto riunioni con Le Scuole del Patronato per Insegnanza della Lingua Italiana, Il Colegio Dante Allighieri, il Consolato Italiano, l’Associazione Veronesi nel Mondo di Sao Paolo e rappresentanti del ente Lavoro Italia, dove a trovato gran reciprocità in quanto al lavoro svolto fin’ora del Comitato e la sua contraparte italiana, il coordinamento. A Rio Grande do Sul è stato ricevuto da Alvirio Tonet, rappresentante del Comitato per RG, e si sono riuniti con l’associazione dei giovani, nell’albergo Dal Onder, a Bento Gonçalves, dove nel 2005 nella Consulta Regionale si concretizo l’idea di una unione tra giovani veneti nel mondo per lavorare su una sola direzzione. Nella riunione con i giovani del RG, il coordinatore, e stato ricevuto dal Consulture Prezzi, chi apprì la riunione con parole molto eloquenti risaltando il lavoro fatto dai giovani nel Rio Grande. Nella sua visita, il coordinatore, vidi la realtà brasiliana, dove le distanze fanno più faticoso il lavoro delle assocaizioni; che però non diminuisce la volontà dei giovani appartenti di riunirsi e lavorare asieme. Sfortunatamente i giovani della Santa Caterina non hanno pottuto raggiungere al coordinatore nel meeting avenuto a Bento Gonçalves, ma si riunì telefonicamente con il rappresentante del Comitato per Santa Caterina, il sig. Guillerme Bertolluzzi. La acollienza dei giovani brasiliani ai progetti del comitato e coordinamento di questa anno, fanno sugerire che avranno un buon anno; anche si parlo si fare una alianza o gemellaggio tra associazioni storiche all’estero e quelle giovani o nuove generazioni; questo ùltimo punto fù accolto con gran entusiasmo.

All suo rientro in Venezuela, il coordinatore, si riuni con i giovani veneto-venezuelani per portare i messaggi e presenti dei fratelli del’Uruguay e Brasile. Il 23 di febbraio i discendenti dei veneti in venezuela si sono raddunati per mettere le fondamenta di quello che in un futuro prossimo sarà la Associazione Veneta delle Nuove Generazioni del Venezuela.

Le conclusioni che si possono prendere di questa corta visita è come dice l’ho stesso coordinatore del Comitato: “....doppo aver visto l’accetazione dei giovani del’Uruguay e del Brasile alle proposte per quest’anno 2008 del Comitato e quelle del 2009 e il loro lavoro non solo a mantenere una agruppazione giovanile che prende anche quelli “non tanto giovani”; ma, di crescere a svilupare una relazione tra giovani di altri paesi con discendenza veneta, possiamo dire che il futuro del associazionismo si trova gi’a nella strada corretta, perche questi ragazzi non solo sanno cosa vogliono; ma, sanno cosa aspettare di questa evoluzione logica delle associazioni storiche all’estero e nel Veneto.